Vita Nova di Fulvio Di Costanzo

Poesie e sentimento

Vita Nova di Fulvio Di Costanzo

Vita Nova di Fulvio Di Costanzo

Dint’a nott,
‘o scur,
‘nfunn ‘e lacrime
‘e sudore,
areta ‘na porta,
assul,
nu’ rimpiant…
Nu’ dulor.

Staje tu.
E cchiù nisciuno…
Saje ca’ nun può fà
rummore,
pe’ nun scetà ‘a “Creatura”
frutto tuo e dell’ammore.

Tu: ch’è mman ‘nfacc ‘o mur,
chianu chianu t’addenocchie,
nu’ telefon rest mut,
sul ‘o tujo singhiozzo.

Nisciuno c’a t’aiuta,
coccurun c’a t’ascolta,
cerchi ‘e appiccià ‘a luce
pe’ nun murì ‘int ‘o suonn.
Mentre passan ‘e minuti
e te stà pigliann ll’ora…

Scetate!
C’a l’incubo è fernuto.
È pe’ te chist’omm!
T’a mannat Dio,
c’a nun lass sul ‘e figlje suoje.
C’a sent ‘o grid…
E chi sap amà ancora…
E si ancora nun c’è crerrut…
Continua a metterlo alla prova.

Aiza ‘a cap ‘e guard ‘a luce
ca pe’ te è “Vita Nova”!
Chillu piant ‘e dulur
è mo na’ lacrima ‘e na’ gioia!

I tuoi occhi
il mio ascoltarti…
Le tue lacrime
il mio asciugarti…
I tuoi pianti…
Il mio Amarti.

Fulvio Di Costanzo

 3,374 total views,  1 views today

 

Translate »